Se si desidera installare un pavimento in pietra valutando una soluzione non invasiva e duratura nel tempo, è possibile considerare un pavimento galleggiante. Si tratta di un sistema che prevede la posa delle lastre del pavimento sopra una struttura a telaio, per cui le piastrelle del piano di calpestio saranno posizionate più in alto rispetto alla base del solaio. Il telaio è composto da una struttura modulare, in grado di alloggiare e sorreggere la pavimentazione. Le piastrelle dei pavimenti galleggianti in pietra naturale richiedono una semplice posa in opera e non è necessario l’utilizzo di colle.

I pavimenti galleggianti sono indicati per terrazze e aree all’aperto che potrebbero risentire di condizioni meteorologiche quali come precipitazioni intense, inverni rigidi o estati assolate. Queste condizioni potrebbero creare crepe tra le fughe, e persino causare la frattura delle piastrelle. Invece nel caso di un pavimento galleggiante le piastrelle non risentono degli sbalzi termici e si mantengono intatte a lungo.

Il pavimento sopraelevato è indicato specialmente nel recupero edilizio di edifici di pregio o di interesse storico, cioè in tutti quei casi dove è necessario realizzare una nuova pavimentazione, ma non si vuole perdere quella originale.